Bailà di Mediaset: l’ennesimo flop

Bailà più pacchiano di Ballando con le stesse

Si chiude il sipario sul tanto discusso programma Mediaset, Bailà, clone poco velato della trasmissione di successo Rai Ballando con le stelle. Tribunali, tam tam mediatico, ira della veterana Carlucci, ma niente. Barbara D’Urso, presentatrice del talent, ha portato a termine ben 4 puntate del contenitore serale. Anche qui si ammiravano, così come il ben noto ballando, vip o presunti tali, contendersi la vittoria a suon di passi di danza più o meno di qualità. A differenza del primo, il Bailà di Mediaset è “lievemente” più pacchiano. Con le solite liti, polemiche sapientemente studiate a tavolino così come le finte rivalità e problemi individuali. Ma tutto ciò non è servito a salvare una nave che affondava. Il programma, seppur zeppo di volti noti, non è decollato, registrando una media d’ascolti bassissima nonostante un inizio promettente. L’ultima puntata ha, infatti, totalizzato solo 2.368.000 telespettatori con uno share dell’11,77%. Al di sotto delle ben più alte aspettative, essendo un prime time che voleva “spaccare” come si suol dire. Un flop annunciato secondo la povera D’Urso, all’ennesimo fallimento televisivo prima ancora, infatti, le era stato chiuso “Stasera che sera” altro cavallo perdente, che voleva primeggiare nella domenica sera. E’ la stessa show girl a parlare: <>.
Bè, tanto vittime non lo chiamerei, considerando che il programma è stato copiato di sana pianta. Insomma, chi è causa del suo mal..come si dice. Ma poi, perchè non si investe più sull’inventiva? E’ così tragico e/o costoso puntare su giovani e creativi autori?

Costantino Vitagliano ed Elisabetta Gregoraci vincitori del clone Bailà

A quanto pare, il boccone amaro non è stato proprio digerito. Secondo quanto trapela da casa Mediaset, l’intenzione è quella di chiedere i danni alla Rai, responsabile di aver limitato, a detta della casa di produzione milanese, “le potenzialità” dello show. Questo quanto precisato dal comunicato dell’azienda “Come è noto, il progetto originario, articolato in sei puntate, non ha mai potuto essere realizzato a causa di un incomprensibile ricorso d’urgenza presentato, prima ancora che Baila! andasse in onda, da una conduttrice e da un’azienda concorrente convinti che la normale competizione televisiva in questo caso non dovesse avere luogo. Il ricorso ha generato comunque un provvedimento al buio del Tribunale di Roma che Mediaset, pur non condividendolo, ha rispettato scrupolosamente rivoluzionando Baila! alla vigilia del debutto e amputandolo di elementi cruciali diffusi in tutte le gare di ballo televisive per garantire un’avvincente struttura narrativa (…). Mediaset procederà, in ogni caso, alla richiesta di un equo risarcimento per il danno subito”.
Per la “cronaca” i vincitori dell’avvincente ed “originale” talent sono stati Costantino Vitagliano ed Elisabetta Gregoraci con i non famosi Giancarlo e Jessica.

Bè, bè, sapendo questo ci viene un dubbio. Ma il rifiuto dello spettatore, siamo proprio sicuri derivi da tagli nel programma?

Articoli correlati

Lascia un commento