Protidogramma, cos’è e a cosa serve questa analisi

protidogrammaChe cos’è il protidogramma

Il protidogramma è un esame di routine detto anche elettroforesi del siero. Questo esame serve a studiare le proteine presenti nel sangue e quindi a dare un quadro completo in merito all’assetto proteico del plasma. Grazie a questo esame possono essere diagnosticati diversi tipi di malattie, soprattutto a livello epatico in quanto le proteine in questione vengono prodotte dal fegato e introdotte nel sistema linfatico. Il protidogramma evidenzia quindi anche la capacità protidosintetica del fegato.

Come viene effettuato il protidogramma

Il protidogramma è un esame effettuato in laboratorio. Per effettuare questo esame, basta recarsi in un centro di analisi e sottoporsi a un prelievo. Ricordiamo che le analisi del sangue vanno effettuato dopo un digiuno di almeno dieci ore e che è consigliabile non assumere liquidi almeno nelle due ore precedenti al prelievo per evitare una eccessiva diluizione del sangue.

Ci sono diversi tipi di analisi di elettroforesi che forniscono valutazioni differenti. Le più comuni sono elettroforesi proteica qualitativa e quantitativa. La prima è spesso associata alla seconda e serve a capire quale sia la proteina presente nel campione e in quali quantità. La seconda rileva semplicemente la quantità delle proteine presenti nel campione di sangue. Altre tipologie di protidogramma tendono a cercare e valutare differenti proteine e la loro presenza nel flusso sanguigno.

Di norma, le proteine prese in esame sono albumina, le alfa globuline, le beta globuline e le gamma globuline.

Valori normali

I valori medi entro quali dovrebbero essere contenuti i valori di queste proteine vengono definiti valori normali li elenchiamo di seguito:

  • Albumina: i valori oscillano da 3,6 a 5,3 grammi su decilitro, con percentuali che variano tra il 45 % e il 70 %.
  • Alfaglobuline: l’intervallo dei valori normali è compreso tra 0,2 e 0,4 g/dl e la percentuale tra il 2 % e il 5 % per quanto riguarda le alfa globuline di tipo1. Le alfa globuline di tipo 2 hanno valori normali compresi tra 0,4 e 0,8 g/dl con valori percentuali tra 8 e 14 %.
  • Betaglobuline: i valori oscillano tra 0,6 e 1 g/dl con le percentuali che variano tra 10 e 22 %.
  • Gammaglobuline: hanno valori che dovrebbero essere compresi tra 0,9 e 1,4 g/dl e le percentuali che dovrebbero oscillare tra 11 e 22 %.

I valori medi possono variare leggermente a seconda dei vari laboratori di analisi. Una volta ricevuti i risultati delle analisi, è buona norma sottoporli all’esame del proprio medico di fiducia in modo da avere un resoconto dettagliato da una lettura professionale di tali valori.

A cosa serve il protidogramma

Il protidogramma è un’analisi che serve a verificare i valori del siero che abbiamo appena visto, ma nello specifico ecco cosa indicano le proteine valutate da questo esame.

L’albumina è la proteina presente in maggiore quantità nel siero rispetto a tutte le altre proteine, proprio per questo motivo tenere sotto controllo questo valore risulta essere molto importante. L’albumina viene prodotta dal fegato e regola la pressione osmotica (fa in modo che i liquidi restino all’interno di vasi e capillari senza debordare) ma ha anche il compito di trasportare i principi attivi dei farmaci assunti.

Le alfa globuline, sia di tipo 1 che 2, hanno la funzione di trasportare grassi e ormoni.

Le beta globuline invece trasportano sostanze più pesanti all’interno del sangue come, ad esempio, il ferro.

Le gamma globuline infine, sono molto importanti in quanto sono degli anticorpi.

Articoli correlati

Lascia un commento