Benessere Salute

Sicurezza domestica: cosa tenere nella cassetta del pronto soccorso perfetta?

Piccoli incidenti domestici sono più frequenti di quanto si possa pensare. E nel caso accada qualcosa, può capitare di non avere a portata di mano ciò che potrebbe servire per un primo intervento e per un sollievo immediato. Ecco che avere un kit di pronto soccorso in casa può essere davvero utile e importante. È ancor più necessario se se ci sono bambini che giocano e si rincorrono o se in casa vivono anziani: è meglio, quindi, esser sempre preparati. Ma cosa deve contenere un kit di pronto soccorso da tenere custodito in casa?

Il kit del pronto soccorso perfetto

In casa possono essere curati piccoli infortuni come tagli superficiali, punture d’insetto o malesseri leggeri. È buona abitudine avere a portata di mano ciò di cui si potrebbe aver bisogno per intervenire tempestivamente. Si tratta di infortuni poco importanti ma che necessitano comunque di una medicazione o della somministrazione di un farmaco per contenere l’avanzare del problema.

Una cassetta pronto soccorso ben fornita per agire tempestivamente è, in genere, fornita di:

  • Disinfettante non alcolico
  • Acqua ossigenata
  • Tintura di iodio
  • Soluzione fisiologica
  • Guanti monouso
  • Cotone idrofilo
  • Garze sterili
  • Cerotti di varie misure
  • Siringhe sterili monouso
  • Forbicine
  • Pinzette
  • Polvere antibiotica cicatrizzante
  • Termometro

Questi primi medicamenti sono importanti per intervenire nel caso di piccole ferite. Disinfettare e applicare delle garze per tutelare al meglio il taglio o l’abrasione è importante al fine di evitare che la ferita s’infetti e inneschi nelle ore successive problemi più seri.

In casa può anche capitare di cadere correndo o giocando (ad esempio in giardino) o di causarsi una piccola distorsione scendendo per i gradini di una scala. Ecco che in una situazione simile sarà utile ritrovarsi nell’apposito kit anche:

  • Borsa per il ghiaccio
  • Bende elastiche
  • Analgesici muscolari
  • Cerotti autoriscaldanti

Quanto ai farmaci specifici da conservare nella cassetta del primo soccorso, è sempre meglio munirsi di uno stock di farmaci da banco online da acquistare anche tutti assieme per risparmiare:

  • Antipiretico
  • Supposte di glicerina
  • Antidolorifico
  • Pomata antistaminica
  • Pomata per punture d’insetto
  • Pomata per ustioni
  • Sciroppo per la tosse
  • Caramelle balsamiche per la gola

Nel caso in cui, come si diceva, si dovessero avere bambini in casa, è meglio avere un termometro a infrarossi, molto più veloce nella misurazione, o, nel caso in cui vi fossero anziani, l’apparecchio per misurare la pressione (sfigmomanometro), quello per misurare l’ossigenazione del sangue (saturimetro) e, sempre utile, al di là delle patologie specifiche per cui si usa, l’apparecchio per aerosol.

Non dovranno, infine, mai mancare i farmaci necessari alle specifiche patologie di cui soffrono i familiari, soprattutto i farmaci salvavita, che, anzi, andrebbero anche tenuti in piccole scorte.

Come conservare il kit del pronto soccorso casalingo

Conservare nel modo corretto i medicinali in casa è un fattore non poco rilevante. Gli sbalzi termici o l’umidità possono comprometterne, infatti, l’integrità. E nel caso di quelli da tenere a portata di mano per interventi immediati, questo aspetto va tenuto particolarmente in conto. Un farmaco che non è tenuto nelle giuste condizioni ambientali non avrà la valenza curativa che ci si aspetta.

La cassettina da tenere in casa va, quindi, sistemata in un locale fresco a asciutto. È quindi meglio evitare il bagno o la cucina. In questi due ambienti, è vero, il kit sarebbe più a portata di mano, ma si rischia di comprometterne la validità dei prodotti che contiene. Meglio tenerla in una madia in salotto o in un cassetto in camera da letto.

Occorre anche scegliere una cassetta adatta a fare da kit del pronto soccorso. Meglio evitare scatole o borse in cui tutto si perderebbe, ma è meglio scegliere una cassettina, magari in metallo, divisa per scomparti, in cui dividere i medicinali per categoria (pomate, pillole, liquidi…) e tenere assieme gli strumenti e i presidi medici. Se in casa ci sono bambini bisogna tener conto della loro curiosità e prevenire il rischio che vengano a contatto con farmaci e strumenti: è meglio, quindi, dotare la cassettina di una chiusura di sicurezza a prova di bambino o tenerla in luoghi alti. Ma attenzione: mai chiudere la cassetta del pronto soccorso con lucchetti! Il senso è tenerla comunque sempre accessibile e con velocità, senza doversi preoccupare di cercare chiavi se ci si sente male.
Altro accorgimento è quello di scegliere un contenitore colorato da usare come kit di pronto soccorso. In questo modo, in una situazione complicata sarà facile trovarlo, soprattutto nel caso in cui a cercarlo dovesse essere un parente o un estraneo che si trova in casa e deve prestare aiuto.

Avere a disposizione un kit per piccoli incidenti casalinghi non significa doverlo utilizzare quotidianamente, per fortuna. Ci si augura, al contrario, di dovervi ricorre con una frequenza davvero ridotta. Proprio per questo motivo può capitare che qualche medicinale vada incontro a scadenza. Per ovviare a questo inconveniente e trovarsi al momento opportuno sprovvisti del farmaco necessario, si deve controllare periodicamente la scadenza dei farmaci. Un trucco è quello di farlo quando si fa il cambio stagione degli armadi o prima dell’inverno (in cui aumentano i malanni stagionali). Se si trovano farmaci scaduti, li si dovrà smaltire in modo adeguato (tutte le farmacie hanno i contenitori adatti) e sostituire immediatamente con nuovi prodotti.

Allestire un kit di pronto soccorso è una buona abitudine per vivere più serenamente la quotidianità di casa ed essere nelle condizioni di effettuare un primo soccorso nel caso ce ne fosse bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *